Webeditor

Webeditor

Avast lancia l’allarme virus per WordPress


La società ceca Avast, che BI@Work adotta come fornitore di sistemi di sicurezza ed antivirus sui personal computer, ha lanciato un allarme da prendere seriamente in considerazione da parte di tutti gli utenti che utilizzano WordPress per i propri siti internet.

 [···]

Approfondisci

Promozioni natalizie per gli antivirus Avast


Dal 21 novembre al 31 dicembre 2011 Avast propone una serie di promozioni speciali:

  • 3 anni di abbonamento al prezzo di 2 valida per i prodotti: avast! Pro Antivirus 6.0; avast! Internet Security 6.0; avast! Business Protection, avast! Business Protection Plus; avast! File Server Security e avast! Email Server Security.
  • 40% di sconto agli utenti che passano ad avast! da un’altra marca di antivirus che abbia ancora almeno tre mesi di validità.

Le promozioni non sono combinabili.

Approfondisci

Posta elettronica certificata obbligatoria entro il 29/11


Un servizio che BI@Work può attivare in poche ore: la Posta Elettronica Certificata (PEC).
La PEC permette di inviare comunicazioni con lo stesso valore di una raccomandata.

Aziende e professionisti devono adottarla per legge entro il 29 Novembre 2011, ultima scadenza prevista per comunicare l’indirizzo di posta certificata al Registro delle Imprese. Le società che non comunicano la PEC al Registro entro il 29 novembre o lo fanno in ritardo rischiano un verbale di accertamento dalla Camera di Commercio per violazione amministrativa, notificato alla società e ai suoi amministratori.

Per attivarla le persone giuridiche devono fornire i seguenti documenti:

  • modulo di richiesta compilato e firmato in ogni pagina
  • fotocopia di un documento di identità (carta d’identità o passaporto) del rappresentante legale
  • estratto del registro delle imprese
  • se il rappresentante legale non è cittadino Ue, copia del permesso di soggiorno in corso di validità

Le persone fisiche e i liberi professionisti dovranno presentare i documenti di cui sopra eccetto l’estratto del registro delle imprese.

La PEC costituirà il domicilio legale per le società e i professionisti.

La legge n. 2 del 28 gennaio 2009 infatti ha introdotto l’obbligo per le società, per i professionisti e per la Pubblica Amministrazione di dotarsi della Posta Elettronica Certificata (PEC) per le comunicazioni ufficiali.

La PEC delle Pubbliche Amministrazioni compare anche nel nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD). La scelta dell’indirizzo PEC è molto importante in quanto esso è il riferimento legale nei confronti della Pubblica Amministrazione, il luogo dove vengono trasmesse le comunicazioni ufficiali (tributi, multe, cartelle esattoriali, ecc..) la cui trasmissione ha caratteristiche e conseguenze legali.

È essenziale che l’indirizzo PEC rimanga lo stesso nel tempo. Ogni cambiamento comporterebbe spese di comunicazione del nuovo indirizzo PEC presso la Camera di commercio e il rischio di non leggere le comunicazioni ufficiali inviate al vecchio indirizzo.

In secondo luogo, è molto opportuno che l’indirizzo PEC rappresenti in modo adeguato l’attività principale dell’azienda.

Sulla pagina web di BI@Work dedicata alla Posta elettronica certificata si trovano tutte le informazioni, i costi e la modulistica da scaricare.

Approfondisci